Organizzare un viaggio zaino in spalla: dove andare e quando farlo


Ecco come organizzare dei viaggi zaino in spalla, da prima della partenza fino al tuo ritorno, facendo particolare attenzione al budget.

Come scegliere una destinazione low cost per dei viaggi zaino in spalla

Può sembrare ovvio ma scegliere una meta economica è fondamentale ai fini di organizzare dei viaggi zaino in spalla low cost. Nonostante raggiungere una di queste mete possa essere costoso per quanto riguarda il biglietto aereo, una volta arrivati a destinazione sarà estremamente facile mantenere un budget estremamente basso in fatto di alloggio, trasporto, cibo e attività.
Se si tratta della tua prima esperienza all’estero allora il consiglio è quello di viaggiare zaino in spalla nel sud est asiatico, l’est Europa o l’Asia centrale. Un esempio perfetto per un viaggio zaino in spalla è la Thailandia, perché:

A) Il costo della vita è estremamente basso.

B) I voli tendono ad avere prezzi più accessibili rispetto ad altre destinazioni low cost come per esempio il Sud America, oltre ad essere Paesi tendenzialmente più sicuri.

Come viaggiare zaino in spalla sicuri (visti, vaccini e assicurazione)

Una volta scelta la destinazione per il vostro viaggio zaino in spalla, ad esempio la Thailandia, ed avrete comprato il biglietto aereo, è ora di passare alle questioni burocratiche.
In particolare per quanto riguarda alcuni paesi come Australia, India e Vietnam (per soggiorni superiori ai 15 giorni) solo per citarne alcuni non è possibile ottenere un visto all’arrivo (visa on arrival). In questi casi il visto va richiesto online (eVisa) e potrebbe non essere gratuito.
Vi sono poi alcuni paesi che richiedono inoltre delle vaccinazioni obbligatorie e consiglio di consultare il sito del Ministero della Salute per informazioni dettagliate o chiedere un parere all’Ufficio Igiene dell’azienda sanitaria locale.

Come creare un itinerario di viaggio zaino in spalla low cost

Per mantenere il viaggio zaino in spalla low cost fino in fondo, consiglio di raccogliere le informazioni di possibili itinerari e cose da vedere su internet. Il web è pieno di siti, blog e forum che parlano di queste tematiche; in alternativa compra una Lonely planet, una Rough guide o una qualsiasi delle centinaia di guide che esistono, ricordando che nessuna guida è perfetta e mantenerle costantemente aggiornate è estremamente difficile, e che tutto ciò che leggi è spesso frutto di opinioni personali.
Quando avrai raccolto tutte le informazioni di cui hai bisogno, è arrivato il momento della pianificazione vera e propria. A questo punto cerca e segna i tuoi punti di interesse sulla mappa in modo tale da avere un’idea di dove si trovano e creare un itinerario che ti permetta di spostarti nel modo più intelligente possibile.
Crea una lista delle cose che ti piacerebbe vedere tenendo conto che pensare di vedere tutto quello che un Paese ha da offrire è impossibile, come anche pensare di fare lunghi spostamenti ogni due giorni. In generale cerca di trascorrere almeno 2 notti nello stesso luogo prima di passare alla tappa successiva; viaggiare zaino in spalla può essere estremamente stancante sia fisicamente che psicologicamente, è meglio vedere poche cose senza fretta, che passare tutto il tempo a saltare da un posto all’altro.

Un’altra cosa importante da tenere a mente quando si viaggia zaino in spalla è quella di lasciarsi dei margini: gli itinerari possono cambiare velocemente, potresti decidere di andare da qualche altra parte seguendo i consigli di un viaggiatore incontrato per strada, o rimanere bloccato in un luogo per cause di forza maggiore. Che tu lo voglia o meno, difficilmente tutto andrà esattamente secondo i piani. Lasciati guidare dal tuo istinto, rimani sereno nel caso qualcosa dovesse andare storto e non aver paura di “saltare” qualche tappa in favore di un’altra, o semplicemente per passare qualche giorno in più in qualche luogo che ti è particolarmente piaciuto. Divertiti e sii spontaneo.

Come preparare il bagaglio per viaggiare zaino in spalla

Come prima cosa è importante preparare il bagaglio in relazione al tipo di viaggio che andrai a intraprendere, tenendo in considerazione il clima e le attività che andrai a fare e mettendo sempre al primo posto il fattore leggerezza. Viaggiare leggeri è il miglior consiglio che ti possa dare per quanto riguarda il bagaglio, ti farà risparmiare soldi per esempio quando potrai semplicemente camminare invece di prendere un taxi, ed evitare di pagare un supplemento per imbarcare il bagaglio. Inoltre ne sarai grato quando dovrai spostarti da un luogo all’altro senza necessariamente spaccarti la schiena.