Smart tv: cos’è la tecnologia QLED e che differenze ci sono con OLED


Quali sono le differenze tra le tv OLED e le tv QLED che si possono trovare al momento sul mercato? Scopriamolo insieme.

Qui di seguito cercheremo di fare un po’ di chiarezza e di capire al meglio quale scegliere tra OLED e QLED, due tecnologie tra loro profondamente diverse, ma che sono in grado di offrire prestazioni superiori rispetto a quelli di una tv tradizionale.

Meglio OLED o QLED?

Dato che al momento sono presenti dei bonus rottamazione di tv, molti si stanno chiedendo se sia meglio acquistare un nuovo televisore con tecnologia QLED oppure con tecnologia OLED. Vediamo insieme quali sono le principali differenze.

La principale differenza tra OLED e QLED sta nella tecnologia di funzionamento.

QLED sta per Quantum Dot Light Emitting Diode ed il suo scopo è quello di migliorare l’OLED il quale, a sua volta, è una tecnologia che rappresenta un incremento qualitativo notevole rispetto ai pannelli LCD grazie soprattutto al livello di contrasto, al realismo dei colori e al design dei TV.
Per quanto riguarda il suo funzionamento, un televisore con tecnologia QLED frutta il Quantum Dot, una particolare tecnologia non del tutto nuova ma che viene utilizzata in maniera diversa e più interessante rispetto a quanto accadeva precedentemente. Infatti, i quantum dot sono molecole microscopiche le quali, una volta illuminate, sono in grado di emettere una luce propria colorata.

Dunque, il colore dipende principalmente dalla dimensione di queste particolari molecole: le più piccole spigionano una luce bluastra mentre le più grandi una luce rossa. La TV OLED utilizzano i quantum dot fotoluminescenti, mentre i TV QLED utilizzano molecole di tipo elettroluminescente.
Dunque, una delle differenze tra OLED e QLED sta nel fatto che le seconde, invece di richiedere luce da un LED per essere illuminati, generano da sole la luce caricandosi con elettroni.

Questo consente ad i televisori con tecnologia QLED di accendere e spegnere i singoli pixel proprio come succede in un TV OLED e, allo stesso modo, il risultato che si ottiene è un rapporto di contrasto infinito.
Dunque, nella sostanza, i quantum dot elettroluminescenti sono in grado di creare un’immagine con le stesse caratteristiche di un TV OLED (e forse ancora meglio), con ad un costo di produzione più basso. Tutto questo, ovviamente, almeno in teoria. Anche perché è importante considerare soprattutto che la tecnologia legata ai quantum dot è giovanissima e quindi sottoposta a notevoli miglioramenti con il tempo.

Quali differenze ci sono tra QLED e OLED?

Se sei indeciso su quale scegliere tra OLED e QLED sappi che un TV QLED è in grado di raggiungere picchi di luminosità maggiori rispetto a quelli di un OLED (dal 30% al 40% in più) e restituire uno spazio colore più ampio. Combinando questi due elementi con l’idea di un contrasto infinito puoi capire che ti troverai davanti una TV davvero eccezionale come qualità video.

Inoltre, assolutamente non meno importante c’è poi da tenere presente il fattore prezzo. I TV OLED sono piuttosto costosi nonostante recentemente i loro prezzi siano scesi in maniera anche piuttosto notevole. In realtà risulta comunque difficile riuscire a trovare un buon televisore con tecnologia OLED 4K da 55’’ ad una cifra inferiore ai 1500 euro.